BUON NATALE DA PRESIDENTE BRYAN!


     L' anno in corso sta per concludersi, ma la cosa più importante è che ne inizia uno nuovo che ci darà la possibilità di continuare il nostro lavoro.

     Ogni anno accogliamo e raccogliamo creature abbandonate. Ci prendiamo cura delle loro ferite, sia esse fisiche che dell'anima. Cerchiamo di ricostituire quella fiducia giustamente smarrita verso l'umano. E poi cerchiamo la famiglia più giusta, più idonea per accogliere queste anime che non possiamo permettere che soffrano ancora.

     Questa è la nostra quotidianità, ma è solo la punta dell'iceberg. Il sommerso è molto di più e il nostro impegno è anche politico, per questo, insieme al Senato Italiano presenteremo una lettera al Parlamento Europeo sullo stato dei galgos in Spagna.

Il bilancio di quest'anno ci porta anche in attivo un'attività mai fatta finora, una “Campagna Sterilizzazione  2014” per combattere il randagismo, le cucciolate indesiderate e l'inutile incremento del numero dei cani che poi, più avanti nella loro vita, vengono soppressi in modi violenti e cruenti. La nostra politica è chiara: difendere, amare e prendere cura delle creature.

     Una politica arricchita dalla nostra passione, dalla convinzione che c'è il meglio e dal nostro inesauribile amore.

      Non siamo soliti sbandierare i nostri risultati e le nostre azioni: tutto procede in modo sommesso, anche se il lavoro è davvero tanto.

     Tanti gli amici umani che ci aiutano e che danno un contributo importante alle nostre attività.

E per questo, io Bryan, ve ne sarò eternamente grato!

     Auguro a tutti di trascorrere un Sereno Natale e di iniziare il nuovo anno con prosperità e felicità! Ricordate : adottare le creature dal canile è un'azione straordinaria!

      Adottate i levrieri, vi cambiano la vita, vi portano gioia e felicità !

Galgo spagnolo Bryan, Presidente di “Bryan’s Levrieri Rescue” OGN.

 

 

NATALE 2014. STORIE NATALIZIE.

Sta arrivando una delle feste più belle dell'anno: il Natale!
Festa importante, sacra e piena di magia !
Noi la festeggiamo insieme ai nostri amati levrieri - ex rescue, che vogliono raccontare le loro storie!
Buon Natale, pieno di miracoli!

Noi sappiamo cosa è l'amore! Quello che si dà senza chiedere nulla in cambio! Quello che incondizionatamente ci porta a fare quello che qualcuno si aspetta da noi! Quello per cui la brutalità e lo sfruttamento vengono sepolti dalla nostra fedeltà!

Poi un giorno, forse perché non andiamo più bene, forse perché c'è qualcun altro più giovane da sfruttare, allora il destinatario della nostra fedeltà decide di abbandonarci….

Lui ci ha lasciato in protectora senza neanche girarsi per un ultimo sguardo, per lui se fossimo morti sarebbe stato lo stesso… Lì per lì non abbiamo capito, il nostro amore si è infranto, e nonostante la crudezza del suo abbandono abbiamo pianto, abbiamo ululato, abbiamo gridato il nostro NOOO... Perché la nostra fedeltà era immensa.

Ma lui non l'ha mai contraccambiata…. Quel giorno in protectora c'erano di amici di Bryan, uno di noi, uno che stava per essere sparato dal suo umano. Hanno capito la nostra disperazione, hanno capito che poi avremmo capito anche noi.

Caro Babbo Natale, ora siamo al sicuro! Nessuno ci potrà più sfruttare. Speriamo che presto arrivi una casa tutta per noi, un tenero abbraccio, un futuro che pensiamo di meritare!

Noi siamo sempre gli stessi, non abbiamo smesso di credere nella fedeltà!

 Abbiamo solo il desiderio di poterla offrire a chi, per sempre, unirà il suo cuore ai nostri!

Auguri a tutti.

Galgos Picòn e Apache.

 


Domenica 16 novembre, giorno della nostra partenza, si sono presentati in protettora due galgheros dicendo che se non avessimo preso due dei loro sei cani, li avrebbero uccisi.
Cesione di galgos...."Cigliegina sulla torta"- i galgueros si sbarazzano di galgos Apache e Picon.
Il cacciatore cerca di "spiegare la ragione " per la quale dare via i galgos.... Ma io non lo voglio sentire...So gia....

 


Buon Natale da Yemy!

Cari amici di Bryan, eccomi qui ! Sono Yemy. O meglio sono il nuovo Yemy!

Quando mi gettarono nel tubo della discarica ho pensato che non avrei mai più visto un nuovo giorno… Gli stessi che mi avevano scartato, mi avevano anche picchiato forte, sulla testa, ricordo un grande dolore….

Poi il buio, ho pensato che non mi dovevo muovere… Immobile, nella discarica, il tempo passava… Forse tanto tempo. Ma io non volevo più muovermi… Gli amici di Bryan mi hanno soccorso.

Ma io volevo restare nel mio buio interiore. Volevo scomparire. Ero stato costretto a provare la malvagità umana, anche se la mia vita era iniziata solo da un pugno di mesi, forse solo 5...

Bryan mi ospita. Sa che la sua casa e le sue cure potranno ricucire le ferite del mio cuore sfiduciato. Arrivo nella casa di Bryan e non voglio ancora credere che l'incubo è finalmente passato. Resto nel mio guscio, penso di dovermi ancora proteggere. Ma quello che mi ruota attorno è una cosa nuova, una sensazione leggera, è calda, è avvolgente, è serena, è sempre presente: qualcuno lo chiama amore!

Bryan mi dice "torna a fidarti, non tutti gli umani sono come quelli che tu piccolino hai dovuto incontrare".

L'amore mi pervade, la gioia bussa al piccolo cuoricino!

Le mie zampotte posteriori prendono forza!

Il mio appetito cresce giorno dopo giorno! Prendo peso, prendo forza, comincio a giocare e correre!!!

Solo allora mi ricordo che sono un cucciolo, che posso conoscere la vita attraverso le cose belle, che il mio esile corpicino deve essere riempito solo di carezze e di baci!

E' il mio primo Natale!

Inizia la mia rinascita!

Auguri a tutti dal piccolo Yemy!

 

Buon Natale da Saphira!

Buon Natale famiglia Bryan....si perché ora siamo tutti una grande famiglia .. prima no ...prima non ero nessuno per il mio galguero. .. non contavo nulla, ricordo la fame, ricordo il freddo , l indifferenza e la cattiveria delle persone che avevo intorno... quanto avrei dato per una sola carezza... ho pianto tanto ma chissa perche quando un cane piange nessuno se ne accorge...per fortuna la famiglia Bryan mi ha salvata in tempo e da li è cominciata LA VITA...

Ora sono in una famiglia che di carezze me ne dà pure troppe!!!

Ora sono felice, dormo al caldo su un letto morbido, mangio a volontà e ho due sorelline una di carne e una pelosa che mi stanno sempre appiccicate!

Certo all’inizio è stata dura ..avevo paura di tante cose ma poi col tempo ho ripreso fiducia. Ora non sto ferma un attimo , salto a destra e sinistra, faccio le feste a tutti, gioco dalla mattina alla sera e abbaio agli sconosciuti perché devo difendere la mia casa...devo difendere la mia famiglia...amo la mia famiglia e loro amano me e spero che babbo natale porti questa gioia a tutti i miei fratelli e sorelle ancora in attesa di una famiglia VERA...

P.S. : Bryan spieghi a mamma che se mi bacia il nasone (come lo chiama lei ) per tutto il giorno prima o poi me lo consuma!!!!!

Buon Natale a tutti da galghetta Saphira!

 


Caro Babbo Natale, ti scrivo questa letterina non per farti richieste ma per ringraziarti.

E' il mio secondo Natale a casa, nella mia casa per sempre!

 Sono arrivata un anno e mezzo fa quasi per sbaglio. Forse è meglio dire per un disguido…. Comunque la mia famiglia per sempre non è quella che mi aveva richiesto. Ma si sa, i casi della vita non sono mai solo coincidenze!

Lo scorso Natale, il mio primo Natale, ho pensato che la gioia e la serenità che stavo vivendo fossero così grandi che meritavano di essere condivise.

Ho parlato con la mia famiglia e non ci ho messo molto a convincerla che dove c'era posto per me ci poteva anche stare un'altra sorella galga. E così è arrivata anche Gilda!

 Ma il vero miracolo è stato che non ho dovuto dividere niente: l'amore in casa si è moltiplicato!! Stento a ricordare il brutto che ho vissuto, mi rifiuto di generalizzare sul lato umano peggiore che ho incontrato, vivo ogni giorno nella beltà della casa, dell'abbraccio, del calore umano.

La mia famiglia, ogni momento, mi è riconoscente dell'amore che gli dono, e io ora sono solo me stessa, una tenera pelosa che adora correre, sonnecchiare, scodinzolare e guardare con felice curiosità quello che il prossimo giorno mi presenterà.

Sono una galga felice!

Auguri Bryan e mi raccomando: NON MOLLARE MAI!!!

 Io e tutti gli altri amici adottati siamo i tuoi testimonial che SI PUO' FARE!

Buon Natale!

 Galga Aria.

 

IL MIO PRIMO NATALE.

 Cari amici scrivo questa letterina perché per me si avvicina un momento tanto significativo: il mio primo Natale in casa!

 Sono felice e piuttosto eccitata per un evento che non ho mai vissuto: mi domando come sarà?

Come si vive una Festività così importante?

Ci sarà un regalo per me sotto l'albero?? Certo, anzi il regalo l'ho già avuto: una famiglia tutta per me, che mi coccola e mi accudisce come una vera principessa.

Ma vi ricordate di me? Gilda la galghetta "stagionata", nera, invisibile e con la leishmania? Sapete io non ho mai smesso di credere nel miracolo di trovare una casa per sempre, e anche se ho dovuto aspettare tanto tempo, poi è successo.... Ma davvero non avrei mai creduto che i miracoli diventassero due!

Sì perché oltre ad avere una famiglia tutta per me, si è avverato un altro grande miracolo in questo Natale!!!! Ho fatto gli analisi e ora sono totalmente negativa alla leishmaniosi!!!

 Niente più cure e pasticche, solo analisi di controllo come per qualsiasi altro amico cane!!!

Cosa posso aggiungere?

Adottate un cane "anzianotto" come lo sono io, e non abbiate paura della leishmania con indice basso: la casa, l'amore e la famiglia possono davvero fare miracoli!

 E io ne sono una testimonianza!!!

Auguri a tutti da galga Gilda !


All'inizio mi battezzarono col nome di Cujo….

Ora dico io ? Ma ve lo ricordate chi era Cujo? Era un cane devastatore di un film di Spielberg. Quando giunsi in Italia mi ribattezzarono con il nobile nome di Dunay, i miei occhi turchesi ricordavano il blu Danubio.

Poi un bel giorno qualcuno coniò per me il nome più bello, più giusto, più azzeccato, più romanista, quello che mi calzava meglio: Romoletto!!

Sono un privilegiato, il mio nome lo ha scelto Marco, un uomo meraviglioso che ospita me, Bryan, e altri 7 galgo e 4 gatti. Marco è quello che io definisco un umano perfetto!

Con lui faccio l'ultima uscita della sera e la prima della mattina. E ogni volta che rientra a casa dal lavoro mi dice: “Ah Romolè, come te va oggi??”

Oppure quando scopre che gli ho rovinato tutto il bordo dell'armadio della camera: “Ah Romolè mannaggia a te!! Ma che m'hai combinato!!” E poi, mi guarda, inclina la testa e mi dice: "Ma come se fa a nun volette bene!"

Grazie Marco per il nome che hai scelto per me, ma sopratutto grazie Bryan per l'immenso lavoro che fai 365 giorni l'anno!

Tra pochi giorni sarà Natale e noi tutti ci uniamo per fare a Bryan e a tutti i galgo qui e in Spagna i migliori auguri di un anno nuovo pieno di cose belle (e biscotti per tutti!).

Podenco Romoletto.

 

Sono nato bello. Sono nato bianco. Sono nato ruvidone. Sono una rarità.

E allora direte voi: perché non sei sul trono della terra dei Magnifici ?

Perché qualcuno ancora non lo sa, ma avrà il privilegio di vivere al mio fianco!

Sono bravo, sono buono, sono affettuoso e sono fedele!

Quali altre qualità un umano potrebbe desiderare di incontrare sul proprio cammino? Provo gioia nel pensare al futuro che mi attende. So che è solo questione di tempo, ma il miracolo avverrà!

Gli amici che sono qui con me in protectora hanno la mia stessa fiducia, quelli che sono partiti ce lo hanno già detto.

Da qui, proprio da dove siamo ora, parte la nostra nuova vita.

Caro Babbo Natale sono certo che terrai a mente la mia letterina e quella dei miei amici qui! Auguriamo a tutti Feste liete con la speranza, il prossimo Natale, di poterti scrivere da un morbido divano!

Galgo Kakà.


Buon Natale da Ziva!

Era l'8 dicembre del 2013 quando le ruote dell'aereo “Alitalia” toccavo terra a Fiumicino e scendevo dall'aeroporto come una principessa albina, bianca come il latte, pura come l'aria!

 In Spagna mi chiamavano Paloma, ma al primo sguardo la mia amata padroncina ha scelto il nome di ZIVA, che vuol dire lucente e brillante!

 Gli amici di Bryan in Spagna mi trovarono vagante per le campagne, con una zampotta fratturata. Il galguero che mi teneva ad un certo punto ha ritenuto che non gli servissi più e, sebbene non lo ricordo più molto chiaramente, so solo che mi sono trovata abbandonata, in mezzo alla campagna, con la zampa anteriore rotta…

 Ho passato molto tempo da sola, randagia, intanto l'osso si stava sistemando da solo, un po' storto. Sono sopravvissuta e sono felice!

 Ho sempre creduto che la mia purezza avrebbe un giorno trovato un posto ideale.

E l'8 dicembre l'ho trovato!

 Abito con una padroncina meravigliosa che si chiama Stefania e che ogni volta che guarda la mia zampotta storta mi dice: "E' nell'imperfezione che regna la bellezza!”

 Prima di incontrare me la mia Stefania non sapeva cosa fosse l'immensità della pazienza. La pazienza dell'amore. I primi mesi ho fatto un po' di caos in casa.... tanta pipì, qualche cuscino frangiato e le cucce che non resistevano che un paio di settimane. Ma la mia amata mammina mai un attimo ha smesso di amarmi e io il suo amore l'ho sentito sempre, non mi è mai mancato.

E devo dirti, mia cara Stefania, che nessuno al mondo mi ha mai voluto così bene come me ne vuoi tu !

Grazie per tutto quello che continui a fare per me, per rendere la mia vita un paradiso ogni giorno più grande.

Permettetemi quindi di inviare a tutti gli amici di Bryan un augurio grande di Buon Natale e di inviarne uno super speciale a Stefania.

Galga Ziva.

C'era una volta una galghetta ridotta pelle e ossa. Talmente provata e denutrita che la sua pelle si stava spaccando sul cemento della protectora.

 Avevo bisogno di fiorire, di sbocciare, di credere nella bellezza della vita.

Bryan mi fece arrivare in stallo in Italia, per recuperare il mio spirito e offrirmi una casa calda e tiepida e provvisoria. Le piaghe che avevo sul corpo si stavano rimarginando lentamente quando qualcosa di speciale è successo, che vi voglio raccontare.

C'era una volta una splendida podenchina di nome Melisa. Anche lei un'amica di Bryan. Nonostante fosse un'invisibile, era stata tanto voluta e amata da una fantastica famiglia di Siena (Fiora e Francesco ,e Bernardo il loro figliolo). Melisa ha vissuto come una regina con Fiora, ma siccome non siamo noi a scegliere quando arrivare e quando andare, un giorno dello scorso inverno un angelo è venuto a portarla via… A lei è dispiaciuto andare via, ma ha lasciato nel cuore di Fiora un messaggio importante: "qualcuno merita di raccogliere tutto l'amore che hai da dare. Non esitare." Fiora, Francesco e Bernardo sono venuti a Roma, da Bryan, e mi hanno voluto con loro!

 Mi hanno offerto una casa da meraviglia: pensate che vivo con un'altra galga, con un sacco di gattoni, e certe volte ospitiamo anche civette, gufetti e abbiamo anche svezzato un cerbiattino. Davvero, se avessi potuto esprimere un desiderio non avrei mai osato pensare a qualcosa di così "stupendissimo"!!

Questa mia letterina per Babbo Natale crede nell' amore, nell'amore che resta nel cuore di coloro che hanno perso un amico fedele, parla dell'amore che è in grado di rinascere dalla sofferenza, e parla anche delle sorprese che, se ci crediamo, la vita ci può offrire.

Auguro a tutti un Natale felice e pieno di speranza!

Crediamo nella vita e la vita ci restituirà i nostri sogni più belli!

Galga Cucheria (ex Dakar).

 


Ricordo che vagavo per le strade….

Perso, smarrito, abbandonato da qualcuno che ora anche i miei ricordi hanno dimenticato.

Qualcuno ha pena di me. Mi trae in salvo. La mia esperienza non mi ha fatto conoscere cose belle. Ma ora sono al sicuro. Inizio ad attendere….

Attendo fino al giorno in cui il mio Enrico mi vede, sta sfogliando delle immagini e mi nota. I miei occhi ambra gli mandano un messaggio unico: lui vuole me! Mi promette che sarò suo amico fedele e mi giura fedeltà. Tutto senza parole, solo attraverso i miei occhi ambra.

Sento che passa del tempo, ma non temo. So che lui sta preparando un arrivo speciale per me. Enrico vuole una casa ideale per me e per lui! Ci sarà un giardino, ci saranno grandi spazi!

E' ottobre. Qualcuno mi dice che posso partire!

Ora sono al calduccio della mia casa per sempre! Sono circondato da un amore grande! Sono finalmente con Enrico e questa è l'unica cosa che conta per me!

Caro Babbo Natale voglio augurare a Bryan e alla sua squadra tanta felicità e mando un pensiero affettuoso a tutti : ognuno di noi merita di avere il suo Enrico nella vita!

Gago Rodas.

 

Giovane, timida, schiva e per niente fiduciosa. Questo diceva la mia scheda….

E al momento dell'ingresso in protettore era davvero così.

Ma quando ho visto il gabbione del viaggio aprirsi nella sala degli arrivi dell'aeroporto mi si è aperto il mondo!

 Sono saltata fuori, balzando in braccio al mio adottante Francesco, ho riempito di baci la mia nonnina Valeria e il mio nonnino Ugo! Euforica e incontenibile ho permesso alla mia natura di esprimersi!

 Gulp ! Francesco si aspettava una timidona e ora si trovava tra le braccia una folle e zampettante quadrupede che in batter di baleno gli ha sconquassato casa!

Ma Francesco è di buon carattere, certo ci ho messo un po' ad educarlo ad una vita migliore. Eh già perché se la mia vita è cambiata la sua è a dir poco "sconvolta". Sveglia la mattina ore 7, passeggiata di un'ora tra salite dei colli romani, doccia, colazione dai nonni e via al lavoro. Sono bastati pochi mesi di questi vita e Francesco è diventato bello come un modello di Armani e io vengo chiamata dagli amici "J.Lo" (ossia Jennifer Lopez...) !

I nonni sono stupendi e mi tengono compagnia mentre Francesco è al lavoro. Ho una cuccia morbidona e la nonna mi offre spesso delle merendine da farmi leccare il mio lungo musone.

Natale è in arrivo e rivolgo il mio augurio a tutti gli amici che sono ancora in protectora.

Vi auguro di trovare presto una casa bella come la mia! E quando arriverete nella vostra famiglia per sempre, armatevi di coraggio: bisogna insegnargli tante cose a certi bipedi pigroni !!

Auguri dalla galga Mia!

 


Buon Natale da Pepi !

Quella che vi sto per raccontare è la storia di una galga che sembrava nata non esattamente sotto una buona stella.

Quando venne alla luce due anni fa apparteneva ad un galguero che ha tentato di farne una cacciatrice. Non c'è mai riuscita. Allora lui l'ha scartata. Ha solo pensato che fosse una buona a nulla. Lui non ha mai saputo quale fosse realmente il suo segreto: era quasi cieca.

La protectora di Bryan la trasse in salvo e lì hanno capito subito che c'era un problema agli occhi. La cosa più importante era di trovarle una casa: per lei era davvero complicato orientarsi. Si stava chiudendo in se stessa.

Bryan mi ha promesso che con il primo aereo vengo da lui a Roma.

Volo al tramonto, arrivo a Roma di notte, ma per me non fa differenza, c'è poca luce ...

Sento delle mani che aprono il trasportino, sento  una cosa nuova, una sensazione mai provata, ma cosa è???  Un abbraccio, sente il suo cuore battere forte come quello di chi la sta stringendo. Poi un bacio, due, tre, mille baci!!!!!

 E da quel momento è l'inizio di una nuova vita!

Quella che vi ho raccontato è la mia storia: sono Pepi e non smetterò mai di benedire la mia buona stella e il mio magico incontro con la mia mammina Glaucia e il mio papi Francesco che mi amano oltre ogni misura, oltre ogni bellezza, oltre ogni difetto!

Il  dottore mi ha visto gli occhietti, e mi ha fatto iniziare una cura e mi ha promesso che con le cure potrò vedere !

Che miracolo!

Grazie Bryan per aver vigilato su di me!

 Buon Natale a tutti da galga Pepi!

Buon Natale da Nala!

Caro Babbo Natale, ti scrivo questa letterina perchè ho tanto da ringraziare!

Il primo ringraziamento va alle volontarie di Valencia che mi hanno tratta in salvo ad appena 6 mesi di vita, mi hanno chiamata Naty e mi hanno dato amore finchè non ho trovato la mia famiglia definitiva.

Il secondo ringraziamento va a Bryan e la sua squadra perchè si sono messi all'opera per trovarmi una famiglia degna di me, a cui posso dare tanto amore, riempire le giornate e tirare su il morale quando li vedo stanchi o tristi (io sono tanto brava ad ascoltare ).

Il terzo ringraziamento va al mio papà.... eh si... se lo merita.... ha combattuto fino alla fine per volermi!!!Il 10/09/2013 la mia mamma e il mio papà mi hanno accolta come una principessa, mi hanno chiamata Nala, dicono che assomiglio alla leonessa, nonchè regina, del Re Leone... be devo ammetterlo, sono trattata come una regina!

Questo è già il secondo Natale che passo con loro! La mia mamma e il mio papà mi amano infinitamente, perciò per me è Natale tutto l'anno e non posso chiedere di meglio, quindi il regalo che vorrei è che tutti i miei cugini che si trovano in Spagna, trovassero una famiglia degna di loro e del loro amore, in modo da dimenticare il passato e vivere un futuro ricco di gioia, coccole e divertimento...perchè se lo meritano!

Infine come ultimo regalo vorrei che la gente smettesse di essere crudele con gli animali!!!

Anche noi abbiamo dei diritti come gli uomini, anzi di più perchè il nostro cuore è puro e ama incondizionatamente!

Buon Natale da podenchina Nala (ex Naty)!


Buon Natale da Gemma, Tamesis e Mizar!

 Caro Babbo Natale, questa lettera te la scriviamo in tre. Per questioni di calligrafia scrivo io (Gemma) che sono la ragazza del trio.

Io Gemma, Tamesis e Mizar abbiamo tre storie diverse ma accomunate dal destino: quello di farci incontrare Serena & Family. Il nostro passato è fatto di brutti ricordi e ferite, anche sulla pelle, che non ci permetteranno mai di dimenticare. Ma sul nostro cammino abbiamo incrociato Serena. Il suo calore e il suo sorriso ci hanno avvolto in un simbolico abbraccio che si rinnova di giorno in giorno.

Mizar,e'stato accolto da noi  dopo le cure di Bryan a Roma. Sta aspettando ancora la SUA famiglia,io e Tamesis,lo stiamo aiutando,o forse è lui che ci aiuta,essendo un pochino più grande di noi. Comunque,insieme siamo un bel trio,facciamo delle belle corse,e ci godiamo le nostre passeggiate. Serena ci ha dato tanta fiducia e ci ha insegnato ad avere fiducia. A volte riaffiorano certe paure, ma basta cercare lo sguardo vigile di Serena, e tutto come per magia scompare. Abbiamo fatto tanta strada insieme, tanta ne faremo, sappiamo rispettarci e condividere.

 Abbiamo avuto fortuna! La stessa che in questo periodo di Natale auguriamo ai nostri amici galgos in attesa di una famiglia.

Caro Babbo Natale ti siamo riconoscenti per l'opportunità che ci hai dato!

 Solo un cuore grande può elargire così tanto amore!

 Buon Natale da galgos  Gemma, Tamesis e Mizar!

 

Cari amici di Bryan Sono arrivato da poco in Italia e sto imparando l'italiano, ma miglioro ogni giorno.

Ho degli insegnanti favolosi: tutta la famiglia che mi ha adottato.

Ci sono i due piccoletti Marianna e Maurizio che mi amano a tal punto da litigare per chi mi porta al guinzaglio. Io non faccio torto a nessuno, un po' l'uno e e un po' l'altra. Sono due splendidi cuccioli di umano, li adoro dal primo momento che li ho conosciuti.

Poi ci sono Edoardo e Francesca, due persone straordinarie, che mi hanno voluto con tanta determinazione. Non hanno esitato. E mi hanno perdonato "tutto" anche se qualche volta, all'inizio, ho confuso orari e bisogni. Ma è storia passata !!

E poi c'è Aldo: il nonno di noi tutti. Aldo che mi ha fatto conoscere cappuccino e cornetto, tutte le mattine, alla fine della nostra passeggiata. Aldo che mi consente di dormire anche con lui e con i suoi gattoni. Aldo, scusami se in una delle mie prime corse libero, per l'entusiasmo e la riconoscenza, ti ho urtato in velocità e ti ho fatto scivolare a terra. Ma tu... mi hai guardato... mi hai sorriso... anzi tutta la famiglia mi ha sorriso

perchè la loro gioia di vedermi "libero" è stata grande quanto la mia (...o forse di più?!?).

Da non dimenticare: vivo con una sorellina pelosa docile e affettuosa che dal primo momento mi ha concesso tutto, dai suoi giochi, al suo divano - che ora è di entrambi! Grazie sorellina, attraverso la tua fiducia ho cominciato a fidarmi anch'io.

Tra poco sarà Natale e da come la mia famiglia si sta preparando devo pensare che sarà qualcosa di "speciale".

Per me è già tutto speciale: dal giorno che gli amici di Bryan mi hanno salvato in Spagna, dal successivo mio trasferimento in Italia, e infine dall'adozione da parte di Edoardo & family.

Vi voglio bene e auguro a tutti un sereno Natale.

Galgo Olivero.


Buon Natale da Rainbow (ex Rambo)!
Credo che uno dei miei genitori fosse un galgo, l'altro di certo un podenco, questo l'ho scoperto la prima volta che mi sono visto queste orecchie "importanti" !
Sono cucciolo e ho tanta voglia di vita, nonostante qualcuno avesse deciso per me che era ora di finirla. Dovevo essere soppresso.
Gli amici di Bryan mi hanno riscattato dalla perrera municipale e dopo un primo passaggio in casa di una volontaria, sono arrivato ospite a casa di Bryan a Roma. Dove sono ora.
Bryan dopo avermi incontrato ha deciso per me il nome di Rainbow (“Arcobaleno”) forse perchè sono una luce colorata dopo un buio temporale!
Caro Babbo Natale ti scrivo questa letterina perchè vorrei ringraziare tanto Bryan per avermi salvato e per avermi accolto, e ti scrivo anche perchè il mio più grande desiderio è quello di trovare la MIA famiglia per SEMPRE!
Sappi che io sono qui e aspetto fiducioso!
Il tuo Rainbow!

Buon Natale da Charles!
L'ho seguito. Perché questo è quello che ho sempre fatto nei tre anni della mia esistenza.
L'ho seguito anche questa volta. Non capisco cosa fa, non capisco perché.
Un colpo, la mia zampa sanguina, lui si allontana e io tento di seguirlo, non ce la faccio, zoppico, lui va lontano sempre di più e mi lascia così al mio destino. Tagliarmi i legamenti era secondo lui l'unico sistema per dare un taglio fisico alla mia ineguagliabile bontà. Altrimenti sarei tornato a seguirlo ancora.
Gli amici mi trovano in un lago di sangue, mi portano in salvo e Bryan mi ospita per prendersi cura di me. Urge un intervento chirurgico altrimenti la mia zampa si sarebbe trascinata per sempre. Esco dalla sala operatoria e inizia il mio lento ma progressivo recupero. La zampetta risponde bene. Bryan veglia su di me e intanto comincia a pensare alla migliore famiglia possibile per me…..
Caro Babbo Natale ti scrivo da un salotto pieno di tappeti, caldo, c'è un albero di Natale pieno di lucine, c'è anche un accessorio che chiamano divano che mi attrae magicamente.
Il passato è passato! Il mio miracolo si è realizzato, senza neanche chiederlo! Ora c'è qualcuno che mi ama, ora c'è qualcuno che mi coccola, mi accudisce, ora c'è qualcuno che mi vuole accanto. Per sempre!
Caro Babbo Natale mando tanti auguri ai fortunati come me e invito tutti a tenere la luce dei cuori sempre accesa!
E' solo alimentando ogni giorno quella luce che il miracolo arriva, proprio quando meno te lo aspetti!
Buon Natale !
Galgo Charles.


Buon Natale da Angeles!
Caro Babbo Natale, ti scrivo perché desidero che tutti sappiano che i miracoli avvengono.
Per quello che sto per raccontare, capirai che io ero la prima a non crederci.
Non ho fatto nulla di male, nulla di sbagliato, eppure qualcuno ha violato la mia esistenza decidendo la mia fine. Hanno sperato che fossi morta e comunque meritavo di essere gettata nei rifiuti come l'immondizia. Forse anche io a quel punto ho sperato di morire.
Poi entra una luce, due braccia mi raccolgono, non capisco cosa stia succedendo. Perdo coscienza, la riprendo, non sto sulle zampe. Sento voci, sono concitate, qualcuno dice di fare in fretta, un ago nella vena, sento freddo ma piano piano sento che la vita rientra in circolo.
Ancora non ne sono consapevole ma quello che mi sta succedendo è il miracolo della "vita".
Il miracolo dell'amore caritatevole e della convinzione del giusto, per cui nessuno può privare un essere vivente della vita che merita!
Sto recuperando, il mio cuore è ancora confuso, ma quello che so caro babbo natale che il mondo è pieno di persone buone, sono quelle che ti tendono le braccia dentro un cassonetto, che ti traggono in salvo, che credono che i miracoli sono nelle pieghe della vita, quella di tutti i giorni.
Auguri di Buon Natale a tutti!
Galga Angeles.

Adozioni dei levrieri spagnoli,podenco, borzoy russo (borzoi)

E-mail: salvalevriero@yandex.com

Tel.: +39/331/4903562 (WHATSUPP)

        +39/3394687026